Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Presentazione Bandi Regionali per finanziamenti e contributi

Leggi

ACCORDO CONFCOMMERCIO-PAGINE SI

Leggi

Prestiti e Fidi Pos, la Confcommercio sceglie la Bcc di Gradara per aiutare i suoi associat

Leggi

CONVENZIONE ECO TECH

Sicurezza e salute nel luogo di lavoro- Richiedi un preventivoLeggi

Week End Gastronomici di Confcommercio: tutti i dettagli della 34esima edizione

MOMBAROCCIO - Per dirla con Mario Di Remigio, presidente dell’associazione Ristoratori della provincia di Pesaro e Urbino, il sogno va avanti da 34 anni. Il sogno in questione risponde al nome di Weekend Gastronomici, manifestazione di prestigio promossa dalla Confcommercio per abbinare i piaceri della tavola alle bellezze storiche e naturalistiche della nostra terra.

“Una terra che non ha nulla da invidiare ad altre regioni, anche limitrofe, che però si sono sapute vendere meglio”, il pensiero di Francesco Baldelli, il sindaco della città dei Bronzi dorati – cioè di Pergola – che da qualche tempo a questa parte ha affidato la gestione di alcuni servizi alla Confcommercio. Stessa cosa è successa a Sant’Angelo in Vado, con la Domus del Mito – a detta della vicesindaco Romina Rossi – che ha da subito ricevuto benefici in fatto di conoscenza e promozione.


Un’edizione che ha la novità importante di 12 Aperigiro, “passeggiate nelle pieghe del territorio che normalmente rimangono fuori dai circuiti turistici. Si andrà alla scoperta di storie, tradizioni e anche favole anche grazie alla guida naturalistica Mario Santini, prima di stendere le gambe sotto il tavolo e gustarsi i manicaretti preparati dai ristoranti aderenti”.Parole pronunciate convintamente stamane a Mombaroccio, nella splendida cornice del ristorante La Coppa che ha ospitato la conferenza stampa di presentazione dei Weekend Gastronomici numero 34. “Trentaquattro anni portati benissimo – s’è gonfiato il petto Amerigo Varotti, il direttore provinciale di Confcommercio – Una scommessa vinta dalla nostra associazione e dalla Camera di commercio, nata per valorizzare la ristorazione dell’entroterra in un’epoca in cui era difficile mangiare bene dappertutto. Negli anni, la cultura enogastronomica è cresciuta notevolmente, tant’è che in questa edizione i ristoranti aderenti hanno menù molto ma molto interessanti, annaffiati da vini rigorosamente della provincia”. Menù a prezzi trasparenti e sicuramente contenuti.

Quest’anno i ristoranti aderenti sono 61. “Meno del solito – ha rivelato Varotti – però abbiamo fatto una scelta rigorosa sia nella verifica nei menù che per rispetto dei locali che organizzano i primi appuntamenti che normalmente erano quelli meno promossi. La manifestazione enogastronomica più famosa delle Marche ha delle new entry come Chigio Country House e graditissimi ritorni come il Giardino di San Lorenzo in Campo e La Palomba di Mondavio”. L’elenco completo dei menù con gli appuntamenti è sui 10mila libretti stampati, disponibili anche su internet sul sito della Confcommercio.

Ultimo ma non ultimo il discorso sulla Camera di commercio, “che non sappiamo se quest’anno potrà intervenire economicamente ma abbiamo voluto qui perché ci ha accompagnato fin dall’inizio”. Il direttore Varotti ha puntato l’indice contro la riforma che ridotto del 50% le entrate degli enti camerali ma anche le competenze, non potendo più fare iniziative all’estero né fare promozione, accompagnare aziende agricole. “C’è un rumoroso silenzio da parte dei politici nostrani che hanno un ruolo nazionale, i quali – pur di sostenere il loro capo – si sono ben guardati dal criticare una riforma fallimentare. Depotenziando le Camere di commercio, si impedisce di sostenere le piccole imprese, cioè il 98% di quelle italiane. Chi le tutela adesso? Chi le promuove ora? Il ministro Calenda ce lo spiegherà”.

“Scelte di governi che non abbiamo mai votato – gli ha fatto eco Alberto Drudi, presidente della Camera di commercio di Pesaro e Urbino – prese da politici che con un’operazione di grandissima confusione stanno distruggendo attività fondamentali. Non è tanto il discorso di fare di 5 Camere di commercio una, quanto piuttosto la mancanza di risorse: è come avere una Ferrara in garage ma senza benzina”.


Se Angelo Serra, presidente della Confcommercio, ha ricordato come in media, per ogni edizione, sono 12mila i consumatori che scelgono di partecipare ai Weekend Gastronomici, “perché sanno cosa mangiano, cosa bevono e quanto spendono”, Massimo Tombolini di Banca Marche si è detto orgoglioso di appoggiare una manifestazione che è radicata sul territorio, “e sarà così anche con la nuova banca”.

Chiusura di conferenza, a cui hanno partecipato anche i sindacalisti Fabrizio Bontà (Uiltucs Uil) e Domenico Montillo (Fisascat Cisl), oltre che il presidente dell’ente bilaterale del Commercio Massimo Ravaglia, per la guida escursionistica Mario Santini, che ha augurato buona primavera a tutti raccontando delle proposte in movimento abbinate al palinsesto culinario.

Si parte comunque il 2 di aprile e si andrà avanti fino all’11 di giugno.


In allegato tutti menù

Da non perdere

Casa di Cura Privata Prof. Montanari

Casa di Cura Privata Prof. Montanari - La Casa di Cura Privata Prof. E. Montanari si trova a Morciano di Romagna ed è una struttura sanitaria privata che si occupa di medicina e chirurgia generale
La Casa di Cura Privata Prof. E. Montanari si trova a Morciano di Romagna ed è una struttura sanitaria privata che si occupa di medicina e chirurgia generale
Tel.: 0541.988129
www

Partner&Associati

#Conforzaecoraggio

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies