Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Convenzioni

Associati e Viziati con le convenzioni ConfcommercioLeggi

Confcommercio e Creval si uniscono per sostegno del territorio

Leggi

La nuova legge sulle borse di plastica

Leggi

Promuovi la tua Attività

Scopri come aumentare la tua clientela con i nostri serviziLeggi

Viabilità e infrastrutture: Ancona-Perugia riparte e noi restiamo al palo

Confcommercio e Federalberghi Pesaro e Urbino esprimono profonda preoccupazione per le notizie apparse sulla stampa del prossimo completamento della Quadrilatero con la realizzazione della tratta Ancona (Falconara) – Perugia.

«Sarebbe veramente il collasso per l’economia turistica e commerciale della nostra Provincia» - afferma il Presidente di Federalberghi Luciano Cecchini. «Abbiamo perso già buona parte dei flussi turistici provenienti dall’Umbria e dal Lazio che oggi trovano più conveniente utilizzare la Quadrilatero (esistente) e andare verso Civitanova Marche. Il colpo è stato duro se pensiamo che la spiaggia di Fano e Marotta era considerata la spiaggia degli Umbri. Con il nuovo tratto su Falconara sarà un dramma».

E interviene il Direttore Generale Confcommercio Amerigo Varotti: «E mentre il Premier Conte e il Ministro Toninelli vanno a Fabriano per assicurare la realizzazione della tratta Ancona-Perugia entro un anno, della nostra Fano-Grosseto, ferma da 37 anni, non si sa nulla salvo PAROLE, nuove parole e promesse dopo le tante fatte in questi tantissimi anni. Dal 1960, anno in cui venne concepita la E78, di promesse sulla Galleria della Guinza e sul collegamento Marche-Umbria ne abbiamo sentite tante. L’ultima è la condivisione (sempre a parole) del Consiglio Superiore dei lavori pubblici sull’apertura a senso unico alternato della galleria. Ci sembra francamente pochino per togliere con garanzia e certezza dall’isolamento la nostra Provincia e particolarmente il nostro entroterra. Non ci si lamenti se poi qualcuno chiede la successione!».

E il Presidente di Confcommercio Angelo Serra prosegue: «Bisogna coinvolgere il Presidente del Consiglio e il Ministro; le forze politiche di maggioranza e opposizione devono fare molto di più di quanto fatto sinora. I Governi ed i politici del passato hanno fallito tutti e il danno economico creato alla nostra Provincia ed al turismo è stato enorme. Per non parlare dei costi sociali per una terra costretta all’isolamento. Non possiamo accettare che per noi si facciano ancora solo chiacchiere mentre si procede speditamente sulla Perugia-Ancona».

«E’ ora di muoversi – rincara la dose la Vice Presidente di Confcommercio Barbara Marcolini -. C’è un territorio completamente isolato se pensiamo che anche il passo di Bocca Trabaria è chiuso da un anno ed ancora – nonostante le precedenti promesse dell’ANAS – si procrastina la sua apertura. Non siamo una popolazione e imprenditori di serie C. Trent’anni di pessima politica ci hanno portato allo stremo. Le presenze turistiche calano, il commercio è in crisi e la Provincia da Borgo Pace a Urbino e a Fano in primis restano isolate. Siamo stanchi delle parole e delle promesse».

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies