Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Confcommercio e Riviera Banca ancora insieme nel 2020

Leggi

Ford - Confcommercio: convenzione riservata solo ai soci

Leggi

Convenzioni

Associati e Viziati con le convenzioni ConfcommercioLeggi

Promuovi la tua Attività

Scopri come aumentare la tua clientela con i nostri serviziLeggi

Urbino: «Vi diciamo noi negozianti cosa serve alla città»

Confcommercio e Confturismo hanno fatto un sondaggio tra gli aderenti Le priorità: più marketing, locali aperti la sera, servono eventi notturni

Cosa pensano e cosa vorrebbero gli operatori turistici e i ristoratori di Urbino? Quali sono le priorità da mettere in campo per migliorare le condizioni della città, le politiche del turismo, l\'accoglienza? In molti, spesso non a ragione perché non si occupano veramente di questo settore, pensano di saperlo: Confcommercio e Confturismo Urbino hanno invece effettuato un sondaggio con 41 operatori turistici e 26 ristoratori, chiedendo loro di indicare due questioni da affrontare immediatamente in tema di turismo.

Le risposte sono state molto variegate proprio perché assolutamente libere: la maggior parte degli intervistati (33 operatori) ha detto che occorre «realizzare azioni di marketing in Italia e all\'estero in rete con il territorio, elaborando progetti per far soggiornare più a lungo i turisti ad Urbino»; un\'altra larga fetta (24 operatori) ha invece puntato sull\'attenzione all\'accoglienza, sottolineando che «la sera non ci sono eventi attrattivi in città specie in estate; i negozi dovrebbero essere aperti la domenica e la sera; il lunedì, soprattutto, è difficile trovare aperto un ristorante e in ogni caso dopo le 22,30 è sempre difficile poter cenare; occorre potenziare l\'illuminazione del centro storico».

Secondo altri operatori, invece, occorre «togliere Urbino dall\'isolamento dalla grande viabilità stradale e ferroviaria», tema da sempre dibattuto. Molto più concreta, invece, la richiesta di migliorare la qualità dell\'ufficio turistico, poiché risulta inaccettabile che esso sia chiuso nei fine settimana; gli operatori desiderano che sia creato un ufficio turistico fuori dalle mura, cosa annunciata più volte con l\'intento di posizionarlo al centro commerciale Consorzio, e che questo ufficio faccia anche azioni di marketing.

Gli operatori del turismo chiedono di organizzare un evento di forte richiamo culturale e turistico all\'anno e sostengono che «il calendario degli eventi non è all\'altezza della città»: per altri va attuata «una sinergia continuativa tra amministrazione e operatori. In particolare hanno evidenziato: «comunicazioni inesistenti o troppo tardive sugli eventi e sulle modifiche alla organizzazione del traffico».

Inoltre, bisogna coordinare gli orari di apertura e i giorni di chiusura tra i vari musei e comunicarlo, in particolare gestire in modo più appropriato l\'accoglienza del turista alla Casa di Raffaello, sia prolungando l\'orario di apertura sia introducendo l\'uso di audio guide. Le proposte sono davvero tante perché tante sono le criticità che chi lavora nel turismo percepisce in città: dall\'esigenza di riattivare i collegamenti bus urbani la domenica verso il centro storico e anche quelli di collegamento con Pesaro, fino a creare l\'isola pedonale in centro storico nei mesi estivi, in modo che esso sia più facilmente fruibile da turisti e urbinati che passeggiano.

Ci sono poi necessità che sono state segnalate da un solo operatore, segno che evidentemente la categoria nella sua interezza non sente come priorità: mettere una segnaletica corretta ai varchi di accesso della ZTL, rimodulare la tassa dei rifiuti in base all\'effettivo arco temporale di utilizzo dei locali, organizzare il Museo degli incisori urbinati alla Casa della Poesia, realizzare una App informativa di Urbino (un progetto che tanti di solito propongono come essenziale), restaurare via delle Mura e l\'area del monumento a Raffaello.

Da ultimo, «posizionare in centro storico alcune ciotole», dice un operatore.

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies