Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

CONVENZIONE ECO TECH

Sicurezza e salute nel luogo di lavoro- Richiedi un preventivoLeggi

Ford - Confcommercio: convenzione riservata solo ai soci

Leggi

Convenzione CONFCOMMERCIO con BIO LAB SRL

Leggi

Prestiti e Fidi Pos, la Confcommercio sceglie la Bcc di Gradara per aiutare i suoi associat

Leggi

Truffe, appello Confcommercio «Ristoratori, siete nel mirino»

Truffe, appello Confcommercio «Ristoratori, siete nel mirino» Vittime a Pesaro e a Fano, la Fipe scrive agli associati e invita a fare attenzione IL RAGGIRO PESARO Truffe ai ristoranti, la Fipe Confcommercio scrive una lettera agli associati per metterli in guardia. L'inganno di ultima generazione è quello della finta cena con vino pregiato.

A finire nella rete dei truffati un ristorante di Pesaro e uno di Fano. Ma non è detto che non ce ne siano altri. La notizia è subito rimbalzata tra la categoria e le associazioni che seguono i ristoratori. «Abbiamo girato subito una mail agli associati per spiegare quanto sta accadendo - spiega Marco Arzeni della Fipe Confcommercio - si tratta di un escamotage subdolo che è arrivato nel pesarese dopo aver mietuto vittime in Romagna, soprattutto nel riminese. Abbiamo scritto come funziona e raccomandato di tenere le antenne dritte. Siamo passati dal non pagare il conto e scappare perché nessuno può farci nulla, a una sofisticazione vera e propria. Una truffa combinata al telefono che finisce con un "furto" di contanti mascherati sotto una finta consegna.

È facile che si possano ripetere quindi raccomandiamo alla categoria di stare in guardia». Il meccanismo è questo: tutto parte da una telefonata di una signora che vorrebbe organizzare una cena per festeggiare un compleanno o un evento, ma non si accontenta del vino della casa e richiede espressamente bottiglie particolari che vengono commercializzate da un distributore che però non tratta con privati ma solo con attività di ristorazione, enoteche e simili. Il ristoratore pervenire incontro alla cliente non fa problemi, si mette in contatto con il distributore (la cliente passa cellulare, nome della società e via seguitando) e quest'ultimo non senza qualche titubanza iniziale (sfumature che rendono ancora più credibile l'inghippo) acconsente a rifornire il giorno dopo il ristorante di una cassa di vino pregiato. E nel caso del ristorante pesarese si parla di 6 bottiglie per un importo di 500 euro cash.

Al ristorante si presenta un ragazzo, un corriere, con 6 bottiglie da pagare sull'unghia. Mala sera della festa di compleanno al ristorante non si presenta nessuno, al cellulare lasciato dalla signora risponde la voce metallica di una casella vocale e a questo punto al ristoratore si fa strada il dubbio che possa essere stato raggirato. Tanto che il vino non è affatto pregiato, ma di qualità scadente. Una truffa che negli ultimi giorni ha già colpito tre ristoranti anche lungo la riviera romagnola. I ristoratori hanno denunciato il fatto alle autorità preposte, che hanno già avviato le indagini.


Da IL CORRIERE ADRIATICO DI LUIGI BENELLI

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies