Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Roadshow Neuromarketing: tre incontri digitali

NEUROMARKETING NEI SERVIZI Leggi

Convenzioni

Associati e Viziati con le convenzioni ConfcommercioLeggi

Chiama…ci siamo! 377/3884391 servizio di supporto psicologico

Leggi

Promuovi la tua Attività

Scopri come aumentare la tua clientela con i nostri serviziLeggi

Ristoratori e albergatori invadono il Comune «Assurdo andare avanti Così»

Si sono presentati in massa. Circa 40 tra ristoratori e albergatori, ieri mattina, si sono fatti trovare in Comune, a insaputa del sindaco Matteo Ricci. L'obiettivo era incontrare il primo cittadino per chiedergli di farsi portavoce, in Regione e al governo, della drammatica situazione che stanno vivendo da mesi: «Tutto questo è insostenibile - ha detto uno dei ristoratori presenti -, siamo stati lasciati soli dal governo. Noi continuiamo a pagare gli affitti, tasse e tributi, pur essendo chiusi. Se non ci sono i ristori per tutti, ci facciano riaprire e lavorare».

Con loro, il segretario provinciale di Confcommercio Davide Ippaso, il presidente Apa Fabrizio Oliva e Mario Di Remigio, presidente provinciale dei ristoratori. Ad ascoltare gli operatori, Francesca Frenquellucci, assessore alle attività economiche. Che si è detta anche disposta ad accompagnarli in Regione per aiutarli nella richiesta di ristori immediati. «Siamo qui oggi perché siamo impossibilitati a lavorare - interviene Di Remigio, a nome di tutti i ristoratori - e soprattutto perché non ci viene più consentito di programmare le nostre attività. Il governo, fino ad ora, non ha fatto altro che accenderci e spegnerci di continuo, senza un minimo di preavviso. Se non abbiamo la visione del futuro, noi muoriamo. Sappiamo che non è colpa del Comune, però ci rivolgiamo a voi, come alla Regione, per chiedere al sindaco Ricci di portare le nostre esigenze al governo. Ora siamo gialli per due giorni, poi arancioni e non si sa da lunedì prossimo cosa succederà. Se dobbiamo rimanere chiusi, ci diano i ristori. Oppure, ci sospendano il pagamento delle utenze, di tutte le tasse e tributi. Ricci potrebbe trattare di nuovo, per noi, la tariffa dell'acqua: come provincia, abbiamo l'acqua più cara d'Italia. Inoltre abbiamo sempre pagato la tassa dei rifiuti, pur rimanendo chiusi. Un'ingiustizia».

E i bilanci sono drammatici anche per il turismo provinciale. «Durante le feste natalizie - ricorda Oliva -, abbiamo perso circa 40mila presenze, senza ottenere alcun ristoro. Il problema, per il nostro settore, che è quello che ha sofferto più di tutti, è pagare le tasse. Non ci sono ristori a sufficienza? Allora il governo conceda alle categorie più colpite l'esenzione dai pagamenti. E' davvero l'unico modo, questo, per tentare di superare questa fase. Che comunque sarà lunga, perché è stato pronunciato lo stato di crisi fino al 31 luglio 2021».

Ippaso rincara la dose: «E' possibile che durante le feste natalizie, nei giorni rossi, il trenino girava, creando tutti gli assembramenti che abbiamo visto, mentre i locali devono rimanere chiusi? I nostri operatori vogliono solo lavorare. Facciamoli riaprire: sono disposti a farlo anche con i controlli da parte delle forze dell'ordine tutte le sere, visto che i protocolli li rispettano». «Se voi volete manifestare, sarò la prima ad accompagnarvi in Regione - risponde Frenquellucci -, per aiutarvi nella richieste di ristori celeri. Noi stessi lo abbiamo fatto in una lettera indirizzata all'ente regionale. Come Comune, abbiamo fatto tanto per cercare di non farvi pagare: è stato fatto un grosso lavoro sulla Tosap, ad esempio. Poi, per quel che riguarda le consegne a domicilio nell'area della Ztl, vi abbiamo esonerato dal pagamento per il passaggio in centro storico. E abbiamo proposto una serie di bandi rivolti alle imprese. Mi sono mossa, personalmente, come se fossi nei vostri panni». Questa mattina, sarà il sindaco Ricci a ricevere una rappresentanza degli operatori che hanno partecipato ieri all'incontro.


Angelica Panzieri da Il Resto del Carlino Pesaro

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies