Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Convenzioni

Associati e Viziati con le convenzioni ConfcommercioLeggi

Accordo BCC di Gradara e Confcommercio Pesaro e Urbino

Leggi

Prestiti e Fidi Pos, la Confcommercio sceglie la Bcc di Gradara per aiutare i suoi associat

Leggi

Promuovi la tua Attività

Scopri come aumentare la tua clientela con i nostri serviziLeggi

«Ristorantini sull'arenile gravissima la sanatoria»

«Ristorantini in spiaggia, gravissimo errore, la De Regis è indifendibile». Il direttore della Confcommercio, Amerigo Varotti, dopo aver chiesto le dimissioni dell’assessore Stefania De Regis, contro-replica a Confartigianato e al sindaco Matteo Ricci, che hanno reso le difese dell’amministratrice comunale. «Andrea Giuliani (referente di Oasi Confartigianato, ndr) non sa di cosa parla, non conosce i fatti e nella sua foga di difensore d’ufficio di un assessore indifendibile travisa, non conoscendo quello che è successo nell’ultimo anno – afferma Varotti – Confcommercio è stata invita a novembre ad un incontro in Comune sul Piano spiaggia durante il quale (e qui Giuliani non era presente) a fronte della dichiarazione d’intenti dell’assessore, dichiarò la propria assoluta e ferma contrarietà. Successivamente non è mai stata invitata ad incontri –confronti ed ha comunque più volte inviato comunicazioni scritte all’assessorato in merito alla volontà del Comune di concedere la ristorazione a tutti gli stabilimenti balneari». In riferimento alle dichiarazioni del sindaco, Varotti dice di faticare «ad entrare nel merito, essendo farcite di una puerile arroganza. Il sindaco fa dichiarazioni molto gravi che ci riserviamo di valutare attentamente, in quanto ammette implicitamente quello che Confcommercio denuncia da anni e cioè un vergognoso abusivismo in spiaggia tollerato, ammesso e in qualche modo tutelato dalla stessa amministrazione. Quella amministrazione che oggi dichiara di voler sanare concedendo a tutti la licenza di ristorazione, cosa che Confcommercio ritiene un gravissimo errore».

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies