Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Conoscere le eccellenze: dalla Collina delle Fate al via le visite con ristoratori di Confcommercio

Leggi

Rinnovo canone speciale RAI 2022, proroga al 31 marzo 2022 del termine per il pagamento

Leggi

Un successo alla Bit di Milano per la nuova edizione dell’Itinerario della Bellezza

Leggi

A Villa Imperiale ‘sfila’ l’Itinerario della Bellezza nella provincia di Pesaro Urbino

Leggi

La provincia presenta a Milano la sua offerta turistica.

Drudi e Varotti: “Abbiamo valori per essere competitivi”

PESARO – “Guardare e ammirare il passato senza mai perdere di vista l’innovazione e il futuro”. A Milano, incontrando una settantina tra operatori e giornalisti del settore turistico, il presidente della Camera di Commercio, Alberto Drudi, ha lanciato loro un invito in piena regola: “Lavoriamo di squadra su un progetto condiviso per la promozione dell’offerta della nostra provincia, un territorio che si è ampiamente attrezzato per competere sia sul mercato nazionale che internazionale”. Nessuna volontà autocelebrativa, ma piuttosto “la consapevolezza di essere una provincia con valori e caratteristiche che non si possono ignorare”.


“Oggi le Marche fanno tendenza per la bellezza e il saper fare – ha raccontato Raimondo Orsetti, dirigente al servizio Turismo della Regione Marche: viaggiare nei nostri territori è una scoperta continua e l’offerta turistica è qualificata e in grado di soddisfare i palati più efficienti a prezzi di estrema convenienza”.

E Pesaro e Urbino rappresenta la provincia plurale nell’unica regione plurale d’Italia: “Un territorio unico, soprattutto dal punto di vista dell’offerta turistica – ha sottolineato Amerigo Varotti, vice presidente dell’ente camerale con delega alla promozione del territorio -, perché nello spazio di poche decine di chilometri convivono mare e monti, spiagge sabbiose e di ciotoli, alcuni dei borghi più belli al mondo e i parchi naturali, le atmosfere suggestive e silenziose dell’entroterra e le ville storiche, lo sport e le sedi termali, l’enogastronomia e i luoghi di cultura, le rocche e e chiese”. E poi ci sono le figure simbolo, veri e propri testimonial immortali: da Rossini a Raffaello, dalla Tebaldi a Bramante, da Lisippo alla Gioconda fino a Valentino Rossi e Luciano Pavarotti.

Contrasti infiniti, “una straordinaria contaminazione di generi e di tradizioni, che rendono questo territorio uno scrigno di sorprese, all’interno del quale – nel corso degli anni – si è diffusa la cultura dell’ospitalità, creando le condizioni per diventare ambiente ideale per una vacanza, possibile tutto l’anno, all’insegna del relax e della bellezza”.

Di fronte agli operatori del settore, Varotti ha chiesto di guardare all’offerta turistica pesarese “con attenzione, curiosità e senza pregiudizi”, perché Pesaro e Ubino “si è completamente reinventata: un cambiamento epocale per una provincia che è stata nei secoli prima agricola e poi a forte vocazione manifatturiera”. “A cambiare sono state le persone – ha spiegato -, a cominciare dagli imprenditori del turismo, che hanno modificato la propria visione, sostenendola con progetti e investimenti significativi e una passione così intensa da essere trasmessa ai propri collaboratori e all’intera filiera”. Un effetto domino che ha generato buone prassi e sinergie importanti, che permettono alla provincia “di ospitare eventi e iniziative per dialogare costantemente con tutti coloro che, Italia e nel mondo, che condividono la passione per una vacanza bella e di qualità, in un ambiente protetto e sicuro”.

Ha parlato di “grande occasione offerta dalla camera di commercio” il presidente dell’Unione delle Pro Loco di Pesaro Urbino, Damiano Bartocetti, il quale ha sottolineato “il grande interesse dei giornalisti e degli operatori per le iniziative organizzate durante tutto l’anno e, in particolare, per quelle in programma a Natale”.

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies