Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Pesaro, al Procuratore Gratteri il Premio Antiracket di 50&Più Confcommercio

Leggi

Conoscere le eccellenze: Confcommercio Marche Nord in visita all’Azienda Guerrieri

Leggi

Nuovi obblighi per Bed & Breakfast, corso presso Formaconf

Leggi

Confcommercio presenta il libro ‘Cocaweb. Una generazione da salvare’ del Senatore Cangini

Leggi

I capolavori di Diamantini, taglio del nastro a Fossombrone

Inaugurazione nel chiostro di Sant\'Agostino i capolavori di Diamantini, taglio del nastro a Fossombrone

Inaugurazione in grande stile con tanta partecipazione, ieri, nel Chiostro di Sant'Agostino della mostra «Giuseppe Diamantini pittore e incisore dalle Marche a Venezia» organizzata dal Comune con il patrocinio e il sostegno della Regione Marche, che l'ha inserita tra le celebrazioni culturali 2021 in occasione del 400° anniversario della nascita.

La mostra resterà aperta sino al 17 ottobre nelle due sedi espositive: Chiesa San Filippo e Pinacoteca Civica. La mostra, curata da Annamaria Ambrosini Massari, docente dell'Università di Urbino e Marco Luzi, direttore dei Musei della città di Fossombrone, ha visto la preziosa collaborazione di numerosi studiosi tra cui Marina Cellini, Luca Baroni e Maria Maddalena Paolini.

«L'importanza di questa mostra - ha esordito Amerigo Varotti direttore di Confcommercio che ha coordinato e promosso l'evento - è evidente considerando che ha il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, di quello della Sovrintendenza Regionale e rientra nel Piano delle celebrazioni annuali della Regione Marche. A questi si aggiungono i patrocini della Provincia e dell'Università di Urbino». Giuseppe Diamantini nacque a Fossombrone nel 1621 e vi morì nel 1705. Tra gli interventi quello del vice presidente della Giunta della Regione Marche, Mirko Carloni che ha puntualizzato: «Porto i saluti del presidente Acquaroli e mi fa molto piacere inaugurare la mostra di Diamantini. Infatti la Regione ha messo come priorità il rilancio delle aree interne, quindi invito tutti a venire a Fossombrone perché è davvero un centro di cultura e di arte. Dobbiamo creare anche un turismo interno invitando tutti i marchigiani a visitare anche Fossombrone. Ne vale vera mente la pena». «La mostra - hanno ricordato Annamaria Ambrosini Massari e Marco Luzi nella presentazione del catalogo edito dal Lavoro editoriale - rende ragione del profilo artistico di Diamantini nella sua completezza di pittore, disegnatore, incisore offrendo l'occasione di ammirare ben dipinti provenienti da musei e collezioni private che descrivono il lungo arco della sua carriera e ben 31 incisioni».

«La mostra e la valorizzazione dell'attività artistica del Diamantini, compresi i restauri effettuati - hanno affermato il sindaco di Fossombrone Gabriele Bonci e l'assessore alla cultura e al turismo Gloria Mei - rientrano in un preciso percorso, un lavoro incessante di risistemazione, recupero, messa in opera di materiale non catalogato, importanti restauri, creazione di nuovi percorsi culturali, eventi e manifestazioni. Un attento intervento che finalmente restituisce, dopo tanto silenzio, la giusta dimensione all'artista».

Presenti all'evento anche il presidente della provincia Giuseppe Paolini e Lorenzo Fiorelli.

La mostra resterà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 (con esclusione del lunedì) dal 31 luglio al 17 ottobre.


Da Il Resto del Carlino L.Diotallevi

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies