Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Promuovi la tua Attività

Scopri come aumentare la tua clientela con i nostri serviziLeggi

Guerra in Ucraina, preoccupazione di Confcommercio Marche Nord per imprese del territorio

Leggi

A Urbino la seconda Conferenza sul Turismo

Leggi

Dal 3 maggio le domande di accesso ai sostegni per il commercio al dettaglio

Leggi

Commercio nei paesi, tre richieste alla Regione

Commercio nei paesi, tre richieste alla Regione Blocco alle autorizzazioni per la grande distribuzione nei comuni sotto i 15mila

Il commercio nelle Marche consta di 35.839 imprese al 30 novembre 2018, di cui 8.263 in provincia di Pesaro e Urbino. Nel corso degli ultimi anni vi è stata una costante diminuzione del numero delle imprese e conseguentemente dei lavoratori occupati. I dati al 31 dicembre 2017 erano questi: Marche 36.608 (+ 769 imprese) Pesaro e Urbino 8.471(+ 208). «E pauroso andare in questi giorni in alcuni paesi sulle colline della nostra provincia - spiega il direttore Confcommercio Pesaro e Urbino/Marche Nord, Amerigo Varotti - Dormitori, deserti, senza vita, inutili anche per il turismo... La chiusura di tante attività commerciali che ha determinato e sta creando preoccupanti fenomeni di desertificazione dei cenni storici è dovuta a molti fattori: la crisi economica e il calo dei consumi conseguente, la presenza insopportabile della grande distribuzione, l'e-commerce, l'aumento di tributi e tasse locali, il caro affitti soprattutto nei centri storici». Contemporaneamente nel settore "alloggio e ristorazione" nella nostra regione al 30 novembre 2018 c'erano 9.793 imprese (erano 9.748 al 31 dicembre 2017), nella provincia di Pesaro e Urbino 2.555 (erano 2.531). «Il settore commercio è strategico perla nostra regione, anche dal punto di vista sociale e turistico». Le imprese commerciali rappresentano il 24% del totale delle imprese (commercio, servizi e turismo il 53%), commercio, servizi e turismo garantiscono nelle Marche il 61,4% della occupazione. «È necessario un forte intervento di sostegno al commercio da parte della Regione che deve muoversi, per noi, su tre direttrici: blocco delle autorizzazioni per la grande distribuzione commerciale e per le medie strutture nei Comuni sotto i 15.000 abitanti, fondi per la riqualificazione delle strutture commerciali e per interventi di animazione, accoglienza e marketing da realizzarsi nei centri storici o nei quartieri con le Associazioni dei commercianti e sostenere le botteghe di vicinato con sgravi fiscali per abbattere il "caro affitti". Un abbattimento del canone peri negozi di vicinato (che non danneggi la proprietà) è la carta vincente (limitata, però a piccoli negozi di vicinato con non più di 5-8 dipendenti). Anche in Emilia Romagna la Regione sta studiando un provvedimento analogo».

Da non perdere

Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a

Partner&Associati

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies