Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

Prestiti e Fidi Pos, la Confcommercio sceglie la Bcc di Gradara per aiutare i suoi associat

Leggi

CONVENZIONE ECO TECH

Sicurezza e salute nel luogo di lavoro- Richiedi un preventivoLeggi

Accordo BCC di Gradara e Confcommercio Pesaro e Urbino

Leggi

Promuovi la tua Attività

Scopri come aumentare la tua clientela con i nostri serviziLeggi

Birra, accise aumentate dal 1° gennaio +30% in poco più di due anni

Per un euro speso in birra 45 centesimi vanno al fisco. È l’ultimo dei 3 aumenti negli ultimi 15 mesi, che hanno portato complessivamente a un +30% dall’ottobre del 2012. Dai produttori e dalla Fipe-Confcommercio allarme perdita di posti di lavoro e calo di consumi.

Dal primo gennaio 2015 è aumentata l’accisa sulla birra, che è passata da 2,7 a 3,04 euro per ettolitro. In pratica, per un euro speso in birra 45 centesimi vanno al fisco. Si tratta del terzo aumento negli ultimi 15 mesi: complessivamente, +30% dall’ottobre del 2012. I produttori sottolineano come il terzo aumento consecutivo metta ora a rischio posti di lavoro.

Rialzi non solo per la birra: l’imposta sui prodotti alcolici intermedi, come i vini liquorosi e quelli aromatizzati, è salita da 80,71 a 88,67 euro per ettolitro, mentre quella sull’alcol etilico (rum, whisky, gin, grappa) è passata da 942,49 a 1.035,52 euro per ettolitro.

I risultati del provvedimento in tre scaglioni sono già evidenti: la scorsa estate i consumi di birra sono calati del 26%, non poco per un settore che ormai da 10 anni rimane stabile. Anche per questo l’associazione dei produttori fa suonare il campanello d’allarme ricordando che il comparto vale 3,2 miliardi di euro, e con oltre 200mila imprese - indotto compreso - garantisce 136mila posti di lavoro. A sostegno dei produttori si è schierata anche la Fipe-Confcommercio.

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies