Per la pubblicità in questo spazio contattaci allo 0721 452269 o scrivi a
News

35 anni di buona cucina e bellezze del territorio

La manifestazione avrà inizio il 7 aprile 2018Leggi

Prestiti e Fidi Pos, la Confcommercio sceglie la Bcc di Gradara per aiutare i suoi associat

Leggi

La nuova legge sulle borse di plastica

Leggi

Convenzioni

Associati e Viziati con le convenzioni ConfcommercioLeggi

Angelo Serra: «Turismo risorsa per il futuro»

In questi giorni si stanno definendo nuovi impegni e nuove strategie per il turismo nella nostra Provincia che, pur non essendo stato minimamente considerato dalla politica in questa campagna elettorale (salvo rare eccezioni! E poi non sorprendano i risultati!), sta programmando il futuro.
Grazie ad una richiesta di “mini proroga”, formulata (ed ottenuta) alla Regione dal Direttore Varotti, molti operatori turistici della nostra Provincia hanno presentato la richiesta di contributi in conto capitale alla Regione per la riqualificazione delle strutture ricettive. C’è, forte, la consapevolezza che il turismo può essere la leva fondamentale di sviluppo della nostra economia. E per questo gli albergatori stanno investendo accogliendo la nuova attenzione che la politica regionale – ancora troppo attenta alla vecchia politica economica ed alle vecchie lobby – sembra riservare al turismo.
Accanto a questa “scommessa sul futuro” gli albergatori stanno lavorando – con un forte impegno della Confcommercio di Pesaro e Urbino – alla costituzione del “nuovo” Consorzio Bike Hotel Marche. Un Consorzio che dovrà aggregare nelle Marche almeno 30 hotel che – con il sostegno della Regione – dovrà investire, per promuovere la nostra Regione come luogo ideale per il cicloturismo e, comunque, per il turismo legato alla bicicletta.
Un segmento in forte espansione a livello mondiale e che può essere importantissimo per la destagionalizzazione della nostra offerta.
Avere hotel strutturati in un territorio rara bellezza, con una efficace promozione internazionale, può in qualche modo controbilanciare il pessimo stato della nostra viabilità?

Visitando il nostro sito, accetti il nostro uso dei cookies